In viaggio

In viaggio

Vivere con le MICI in viaggio

 

I pazienti con MICI devono usare particolari precauzioni in caso di viaggio.

La terapia immunosoppressiva aumenta la suscettibilità e la gravità di eventuali infezioni, diminuisce l’efficacia delle vaccinazioni, aumenta il rischio di effetti collaterali da vaccinazioni con vaccini vivi attenuati come il vaccino contro la febbre gialla.

Una gastroenterite virale o batterica, che è la più comune malattia correlata al viaggio, è considerato un fattore di rischio per una riacutizzazione della malattia infiammatoria cronica intestinale e può influenzare l'assorbimento dei farmaci.

Consigli in caso di viaggio

Nel caso in cui un soggetto affetto da MICI abbia la necessità di intraprendere un viaggio, è bene seguire alcuni semplici consigli al fine di limitare o addirittura escludere alcune complicazioni:

  • in caso di gastroenterite utilizzare un antibiotico adatto;
  • l’avvenuta corretta immunizzazione deve essere verificata dopo la somministrazione di alcuni vaccini (ad es. epatite A);
  • viaggiare in aree in cui la febbre gialla è endemica è scoraggiato se la vaccinazione con i vaccini vivi attenuati è controindicata (come nei pazienti in terapia con farmaci immunosoppressori o biologici);
  • in caso di terapia in corso con farmaci biologici, alcuni viaggiatori ad alto rischio dovrebbero essere sottoposti ai test specifici per la tubercolosi prima e dopo il viaggio.

 

Pagina precedente
Al lavoro
Pagina successiva
SPORT E ATTIVITÁ FISICA