Viaggiare con le MICI: si può!

Viaggiare con le MICI: si può!

10/22/2021 - 14:57

Per molte persone con malattie infiammatorie croniche intestinali (MICI) i viaggi sono fonti di ansia. Molti pazienti temono infatti di poter avere problemi mentre sono lontani da casa: la paura è infatti quella di non riuscire a gestire la malattia fuori dal proprio spazio di controllo. Il rischio però è che molte persone con malattia di Crohn o rettocolite ulcerosa si privino troppo spesso, o addirittura sempre, di esperienze belle e gratificanti come quelle che si possono vivere in viaggio e in vacanza. Ovviamente viaggiare in serenità implica seguire alcune accortezze: innanzi tutto occorre conoscere le proprie condizioni cliniche, per decidere quando partire. In corso di recidive o riacutizzazioni oppure subito dopo un intervento chirurgico è sicuramente meglio procrastinare la partenza. Se invece gli spostamenti sono ben ragionati e pianificati, i rischi sono davvero irrisori.

 

Attenzione a cosa mangiamo e beviamo

Il primo consiglio è quindi quello di parlare al gastroenterologo della nostra intenzione di spostarci: sarà lui a darci le corrette indicazioni o a prescriverci controlli per partire in tranquillità. Naturalmente tutto dipende anche dalla meta: visitare una capitale europea è ben diverso da un safari in Africa! Inoltre quando visitiamo Paesi in via di sviluppo occorre qualche attenzione igienica in più: il pericolo maggiore è quello di contrarre infezioni intestinali, che per i pazienti con MICI possono essere potenzialmente rischiose. A questo proposito è importante:

- bere solo acqua in bottiglia, che andrà usata anche per lavarsi i denti;

- non ingurgitare acqua sotto la doccia o al mare;

- evitare i cubetti di ghiaccio nei cocktail;

- bollire l'acqua prima di usarla in cucina;

- non mangiare cibi crudi;

- non mangiare gelati e latticini in genere;

- non consumare cibo acquistato da ambulanti.

 

La terapia non deve essere interrotta

Se stiamo seguendo una terapia è bene continuarla anche in viaggio secondo indicazioni mediche. Per portare i farmaci con noi occorrerà verificare le indicazioni doganali mentre se dovremo procurarceli in loco, meglio capire prima con quali modalità. Anche in questo caso il gastroenterologo e la struttura sanitaria che ci seguono potranno essere d'aiuto. Quando andiamo all'estero può essere utile portare con noi la nostra documentazione sanitaria opportunamente tradotta in inglese o nella lingua del posto.

 

Bagni e altri consigli pratici

Infine qualche suggerimento pratico. Scarichiamo una delle app oggi disponibili che consentono di individuare i bagni pubblici nelle vicinanze: segnaliamo ToiletFinder, Trip Toilet e Bathroom Scout. In aereo invece preferiamo un posto lato corridoio in prossimità delle toilette. Sempre a questo proposito esiste la possibilità di ricevere la cosiddetta Just can't wait card/, valida per le persone con MICI in alcuni Paesi, che consente di informare della nostra condizione e consentendoci di saltare la fila nei bagni pubblici su mezzi di trasporto e in altri luoghi in città. Una carta simile è inoltre quella rilasciata unitamente all'iscrizione da Amici Onlus, l'associazione dei pazienti con malattie infiammatorie croniche intestinali. Sempre da Amici viene una guida per viaggiatori con MICI: è liberamente scaricabile qui  e raccoglie moltissimi utili consigli.

 

 

Fonti

Ben-Horin S et al, "Travel associated health risks for patients with inflammatory bowel disease". Clin Gastroenterol Hepatol 2012;10:160, https://www.ibdpassport.com/sites/all/themes/ibd/media/new/Travel_relate...

Chan W et al, "A Global Survey of Gastroenterologists' Travel Advice to Patients with Inflammatory Bowel Disease on Immunosuppressive Agents and Management of Those Visiting Tuberculosis-Endemic Areas". J Crohns Colitis. 2018 Nov 15;12(11):1261-1269. doi: 10.1093/ecco-jcc/jjy110. PMID: 30215692.

Colombo E, Bossa F, Annese V, Posso fare viaggi all’estero?, IgIBD, https://igibd.it/it/2018/posso-fare-viaggi-allestero-17647

Greveson K et al. “Travel health and pretravel preparation in the patient with inflammatory bowel disease.” Frontline gastroenterology vol. 7,1 (2015): 60-65. doi: 10.1136/flgastro-2014-100548

Travel and IBD, Crohn's and Colitis Uk, http://s3-eu-west-1.amazonaws.com/files.crohnsandcolitis.org.uk/Publicat...

Varun V et al, “Health concerns associated with travelling with inflammatory bowel disease (IBD): a questionnaire survey.” Clinical medicine (London, England) vol. 18,4 (2018): 288-292. doi: 10.7861/clinmedicine.18-4-288

Viaggiare con la Malattia di Crohn, Ragazzi Coraggiosi, https://www.ragazzicoraggiosi.it/viaggi/

Viaggiare senza problemi con le IBD è possibile, vediamo come fare, Micro Onlus, https://www.microibd.it/ibd-mici/207-viaggiare-senza-problemi-con-le-ibd...

Viaggiare, Micro Onulus, https://www.microibd.it/viaggiare.html