Stenosi intestinale: i sintomi

Stenosi intestinale: i sintomi

12/09/2020 - 11:35

Le malattie infiammatorie croniche intestinali (MICI) si possono presentare con diversi sintomi e varie manifestazioni. Sia nella malattia di Crohn che nella rettocolite ulcerosa, inoltre, possono verificarsi numerose complicanze, specie quando la diagnosi arriva in ritardo. La malattia di Crohn in particolare può colpire tutto il tratto digestivo dalla bocca all'ano e quando coinvolge, come spesso accade, l'ultima parte dell'intestino tenue, cioè l'ileo, lo stato infiammatorio può condurre alla più tipica delle sue complicanze: la stenosi intestinale.

Cosa succede quando c'è una stenosi

Con il termine stenosi in medicina si indica il restringimento di un organo cavo. Nel caso dell'ileo questa condizione si verifica in quanto le pareti intestinali, colpite da infiammazione, si ispessiscono. In questo modo, però, il lume intestinale si riduce. In pratica, il passaggio del contenuto intestinale si fa più difficoltoso ponendo il paziente a rischio di occlusione intestinale. Qualora questa si verifichi è sempre necessario un intervento chirurgico di urgenza: l'arresto del transito può infatti produrre un insieme di fenomeni a catena che, se non arrestati in breve tempo, mettono il paziente a serio rischio.

Come prevenire l'occlusione intestinale

Ovviamente occorrerebbe poter prevenire le stenosi intestinali attraverso un monitoraggio della malattia di Crohn tramite indagini diagnostiche e di laboratorio e una corretta terapia indicata dal gastroenterologo. Tuttavia in un numero non indifferente di casi questa patologia può manifestarsi con pochi sintomi e quindi portare a diagnosi tardive, magari quando un'eventuale stenosi si è già venuta a creare.

I sintomi della stenosi intestinale

Quando la stenosi è presente in alcuni casi possono presentarsi sintomi specifici, detti subocclusivi: in quel caso l'intestino non è ancora totalmente occluso tanto da richiedere un intervento chirurgico immediato, ma il transito è difficoltoso. Ciò può dar luogo a:

- dolore addominale;

- febbre;

- nausea e vomito;

- alterazioni dell'alvo.

Nella malattia di Crohn il tratto di ileo più colpito dalle stenosi è quello terminale, ovvero all'altezza della valvola ileocecale e immediatamente prima del cieco, cioè la prima parte del colon. Questo implica che la stenosi possa produrre dolore nell'area inferiore destra dell'addome. Inoltre, quando questa è molto pronunciata può talvolta essere percepita alla palpazione sotto forma di una piccola massa.

La diagnosi: colonscopia ed esami di imaging

Tuttavia l'effettiva presenza di una stenosi può essere diagnosticata solo con esami strumentali: ecografia dell'addome con studio delle anse intestinali, risonanza magnetica dell'addome e soprattutto, quando questa è presente a livello ileocecale, con la colonscopia: se tecnicamente possibile, infatti, durante questo esame il medico prosegue l'esplorazione oltre il colon, forzando la valvola ileocecale, così da esplorare l'ultima ansa dell'ileo.

Terapie chirurgiche e non

In presenza di una stenosi non ancora occlusa il medico può suggerire due strade possibili:

- una terapia farmacologica capace di ridurre l'infiammazione: si cerca cioè di controllare l'infiammazione per tentare di ridurre la stenosi;

- l'intervento chirurgico, con il quale si asporta il tratto di intestino interessato (resezione intestinale), esattamente come avviene durante gli interventi per occlusione. Esistono anche interventi di stricturoplastica in cui il tratto interessato non viene asportato ma "allargato": meno frequentemente impiegata della normale resezione, questa tecnica può presentare complicanze ed è pertanto impiegata solo in alcuni specifici casi.

Fonti

Bessissow T et al., "Endoscopic management of Crohn's strictures". World J Gastroenterol. 2018 May 7;24(17):1859-1867. doi: 10.3748/wjg.v24.i17.1859. PMID: 29740201; PMCID: PMC5937203.

Chan WPW et al., "Crohn's disease associated strictures". J Gastroenterol Hepatol. 2018 May;33(5):998-1008. doi: 10.1111/jgh.14119. Epub 2018 Mar 12. PMID: 29427364.

Il morbo di Crohn. Trattamento chirurgico, Ibd Brescia, http://www.ibdbrescia.it/malattie-crohn08.html

Malattie infiammatorie croniche intestinali, Humanitas Research Hospital, https://www.humanitas.it/malattie/malattie-infiammatorie-croniche-intest...

Occlusione intestinale, Humanitas Mater Domini, https://www.materdomini.it/malattie/occlusione-intestinale/

Rieder F et al., "Crohn's disease complicated by strictures: a systematic review". Gut. 2013 Jul;62(7):1072-84. doi: 10.1136/gutjnl-2012-304353. Epub 2013 Apr 26. PMID: 23626373; PMCID: PMC4884453.