MICI e l'approccio dietetico nei bambini

MICI e l'approccio dietetico nei bambini

07/15/2021 - 15:20

I bambini e i ragazzi affetti da malattie infiammatorie croniche intestinali (MICI) hanno bisogno di informazioni attendibili su come l'alimentazione possa migliorare o peggiorare la condizione intestinale: lo chiedono le loro famiglie. Mancano infatti ancora molte certezze scientifiche su come alcuni cibi possano, in alcuni casi, essere responsabili dell'insorgenza della malattia di Crohn e della rettocolite ulcerosa. Se questi temi riguardano tutti, certamente i più giovani sono maggiormente coinvolti. Del resto l'esordio di queste malattie, che avviene più frequentemente nei pazienti tra i 15 e i 30 anni e in quelli tra i 50 e i 70, è sempre più spesso pediatrico: un neodiagnosticato su 4 ha oggi meno di 18 anni.

 

Il ruolo della barriera intestinale

Tra le cause dell'insorgenza dell'infiammazione intestinale che è alla base della malattia di Crohn e della rettocolite ulcerosa è nota esserci l'alterazione della barriera intestinale. Con questo termine si indica quel complesso insieme di meccanismi di difesa che impediscono l'accesso di agenti pericolosi attraverso l'intestino. Questa barriera può esser alterata per cause generiche, in presenza di infezioni ma anche di conseguenza a scelte alimentari. Questi fattori possono infatti alterare il microbiota intestinale determinando, con meccanismi non ancora del tutto chiari, l'infiammazione tipica della malattia.

 

Grassi, zuccheri e rinunce alimentari

Oggi sappiamo che nei bambini in particolare una dieta ricca di fibre e povera di grassi e zuccheri può essere protettiva contro l'insorgenza delle MICI e nel corso della loro evoluzione. Al contrario questi ultimi nutrienti possono essere causa di riattivazioni di malattia se assunti in modo eccessivo, così come lo sono alcuni agenti presenti nei cibi industriali quali gli emulsionanti. Ciò significa che spesso i bambini affetti sono obbligati a qualche sacrificio allo scopo di prevenire recidive: a molti piccoli pazienti è consigliata una riduzione di zuccheri e grassi, come detto, ma anche di latticini e dunque di cibi molto diffusi tra bambini e ragazzi come soft drink e merendine. Tutto ciò può generare in loro frustrazione e difficoltà relazionali. È partendo da questo tema che Amici Onlus, l'associazione che raggruppa i pazienti affetti da malattie infiammatorie croniche intestinali, ha condotto una revisione della letteratura scientifica sul tema con il supporto dell'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano allo scopo di valutare l'impatto - ancora importante - delle restrizioni alimentari sulla qualità di vita dei piccoli pazienti affetti, in particolare, da malattia di Crohn.

 

Le novità dalla ricerca

Va però detto che la ricerca in ambito alimentare e pediatrico sta procedendo e oggi disponiamo di risposte un po' più chiare. Proprio nella malattia di Crohn pediatrica recenti studi stanno definendo la possibilità di applicare trattamenti dietetici che consentano di favorire e prolungare i periodi di remissione della malattia. I regimi nutrizionali più indagati a scopo terapeutico nei bambini sono le EEN, ovvero exclusive enteral nutrition (nutrizione enterale esclusiva) che consistono nella somministrazione tramite sondino naso-gastrico, per periodi variabili tra le 6 e le 12 settimane, di soluzioni bilanciate a cui progressivamente vengono sostituiti gli alimenti solidi. Cicli di EEN mostrano ottimi risultati nella malattia di Crohn: è stato dimostrato infatti di poter indurre la guarigione della mucosa intestinale nell'80-90 per cento dei bambini affetti.

 

 

 

Fonti

Bernaschi P, Il microbiota, Ospedale Bambino Gesù, http://www.ospedalebambinogesu.it/microbiota#.X7_J4hNKg0o

Brusaferro A et al, "Gut dysbiosis and paediatric Crohn's disease". J Infect. 2019 Jan;78(1):1-7. doi: 10.1016/j.jinf.2018.10.005. Epub 2018 Oct 16. PMID: 30336176.

Douglas, GM et al, "Multi-omics differentially classify disease state and treatment outcome in pediatric Crohn’s disease". Microbiome 6, 13 (2018). https://doi.org/10.1186/s40168-018-0398-3

Gatti S, "La nutrizione come terapia nelle Malattie Infiammatorie Croniche Intestinali: i nuovi approcci", Informamici, Amici Onlus, n.35, ottobre 2020

Kolodziejczyk, AA et al, "Diet–microbiota interactions and personalized nutrition". Nat Rev Microbiol 17, 742–753 (2019). https://doi.org/10.1038/s41579-019-0256-8

Malattia di Crohn: al via la campagna sociale “Crohnviviamo” il 95% dei giovani pazienti costretto a rinunce alimentari e sociali, Amici Onlus, https://amiciitalia.eu/categorie/campagne/malattia-di-crohn-al-la-campag...

Morbo di Crohn nei bambini: quali sono i sintomi?, Ospedale Niguarda, https://www.ospedaleniguarda.it/news/leggi/morbo-di-crohn-nei-bambini-qu...