MICI, conosciamole meglio

MICI, conosciamole meglio

03/06/2020 - 19:09

Cosa sono le malattie infiammatorie croniche intestinali (MICI, in inglese IBD - Inflammatory Bowel Diseases)? Sono infiammazioni del tratto gastrointestinale che persistono per tutta la vita e non possono - a oggi - essere trattate definitivamente.

Di solito l’età di insorgenza è tra i 15 e i 35 anni, ma possono essere colpiti anche i bambini. Inoltre si osserva un secondo picco di diagnosi tra i 50 e i 55 anni. Colpiscono allo stesso modo uomini e donne e in Italia si stima che vi siano circa 200mila persone colpite da una MICI.

Quali sono le malattia infiammatorie croniche intestinali?

Le forme più comuni di MICI sono la malattia di Crohn e la colite ulcerosa  - o rettocolite ulcerosa. I pazienti colpiti da queste patologie sperimentano periodi in cui l’infiammazione è acuta (attiva) e periodi di cosiddetta remissione, in cui invece non si presentano sintomi e la malattia è silente.

L’alternanza tra queste due fasi tuttavia non è regolare ed è diversa da paziente a paziente. L’obiettivo dei trattamenti al momento è prolungare il più possibile i periodi di remissione in chi soffre di una malattia infiammatoria intestinale, poiché oltre a essere asintomatici sono anche i periodi in cui la malattia non progredisce.

La malattia di Crohn

La malattia di Crohn è un’infiammazione cronica che può interessare qualsiasi parte del tratto gastrointestinale dalla bocca all’ano, anche se, solitamente (in circa il 90% dei casi), sono colpiti l’ileo e l'inizio del colon.

È stata descritta per la prima volta nel 1932 da Burrill Crohn (da cui prende il nome) insieme a Leon Ginzburg e Gordon Oppenheimer. Nella malattia di Crohn le aree dell’intestino interessate da infiammazione possono alternarsi ad aree sane. Queste “chiazze” di infiammazione possono essere sia molto piccole - pochi centimetri - sia molto estese. Inoltre, non si limita alla superficie del tratto interessato ma può arrivare in profondità nella parete dell’intestino.

La rettocolite ulcerosa

La rettocolite ulcerosa colpisce sempre il retto e non presenta praticamente mai la conformazione a chiazze che, invece, si osserva nella malattia di Crohn. Tuttavia può estendersi senza aree “salve” e non infiammate fino a interessare il colon. Diversamente dalla malattia di Crohn, inoltre, l’infiammazione non si estende in profondità, tuttavia provoca la formazione di ulcere che causano dolori addominali e diarrea (spesso incontrollabile e con sangue e muco nelle feci).

Sintomi più comuni

Sebbene molto diverse, queste due malattie infiammatorie intestinali presentano una sintomatologia simile che tuttavia può variare da paziente e paziente sia nel tipo di sintomo sia nella severità. Alcuni pazienti sperimentano i sintomi in maniera molto violenta e debilitante e in alcuni casi percepiscono una netta diminuzione della qualità della vita.

Alcuni dei sintomi più frequenti sono:

  • dolori e crampi addominali;
  • diarrea cronica;
  • sangue nelle feci;
  • calo ponderale;
  • febbre;
  • afte;
  • talvolta costipazione.

Vi sono poi sintomi non legati all'intestino, quali:

  • dolori articolari;
  • perdita di appetito;
  • calo di peso;
  • febbre;
  • sensazione di affaticamento;
  • sudori notturni;
  • per alcune donne anche amenorrea.

Una possibile complicazione è l’occlusione intestinale che è dovuta a restringimenti della parete intestinale (stenosi).

Chi soffre di una malattia infiammatoria intestinale può riportare anche complicazioni extra-intestinali. In questi casi l’infiammazione può arrivare a interessare la pelle con manifestazioni dermatologiche anche importanti e provocare seri problemi alle articolazioni (artrite) e allo stato di salute delle ossa.

In alcuni pazienti l’infiammazione va a colpire anche gli occhi sotto forma di episclerite, una malattia che colpisce il tessuto che ricopre la sclera (la membrana che riveste gran parte del bulbo oculare) rendendola rossa, dolente e infiammata. Infine, nei bambini, questa patologia può avere ricadute sulla crescita e sullo sviluppo sessuale.

Nei casi più severi, la malattia di Crohn può causare il formarsi di ascessi e fistole che richiedono l’immediato intervento del medico. Una fistola è un “buco”, un condotto o passaggio che in questo caso può andare a verificarsi tra due sezioni dell’intestino o tra l’intestino e la pelle.

Come detto vi sono poi periodi in cui questi sintomi non si presentano. La frequenza e la durata dei periodi di remissione (o, da un’altra prospettiva, la frequenza e la durata dei periodi di riacutizzazione della malattia) è soggettiva. Secondo alcuni dati circa il 67% delle persone con una malattia di Crohn in fase di remissione avranno almeno una ricaduta nei successivi cinque anni; mentre per la colite ulcerosa questa percentuale scende al 30%. 

Cause scatenanti

La cause e i fattori scatenanti delle MICI sono ancora sconosciute. A oggi le ipotesi più accreditate sostengono che questo stato infiammatorio sia dovuto a una combinazione di fattori esterni (virus, batteri, ma anche stress, alimentazione e fumo di tabacco) e di una predisposizione genetica che scatena una risposta del sistema immunitario contro l’intestino.

Nei pazienti con le MICI, una volta che il sistema immunitario si attiva in risposta a questi fattori esterni non riesce più a “spegnersi” e questo stato di costante attacco provoca l’infiammazione persistente e i sintomi conseguenti.

Nonostante la presenza di alcun fattori genetici e il fatto che queste malattie infiammatorie intestinali tendano a presentarsi in persone all’interno della stessa famiglia, è importante sottolineare che le malattie infiammatorie intestinali non vanno considerate malattie genetiche o ereditarie.

L’importanza dei fattori ambientali sembrerebbe infatti confermata anche dal fatto che la malattia di Crohn è più comune nei paesi più sviluppati, nei contesti urbani e nei climi nordici. La colite ulcerosa sembra essere più comune nelle persone di origini europee e di discendenza ebraica. Uno dei fattori ambientali modificabili più noto è il fumo di tabacco.

Fonti

Kane SV. Inflammatory Bowel Disease Defined - IBD Support Foundation

https://ibdsf.org/index.php/about-ibd

What is Crohn's Disease? -  Crohn’s and Colitis’ Foundation

https://www.crohnscolitisfoundation.org/what-are-crohns-and-colitis/what-is-crohns-disease/

What is Ulcerative Colitis? - Crohn’s and Colitis’ Foundation

https://www.crohnscolitisfoundation.org/what-are-crohns-and-colitis/what-is-ulcerative-colitis/

What are Crohn's and Colitis? Crohn's and Colitis Canada
https://crohnsandcolitis.ca/About-Crohn-s-Colitis/What-are-Crohns-and-Colitis

Crohn's disease - Mayo Clinic

https://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/crohns-disease/symptoms-causes/syc-20353304

Ulcerative colitis - Mayo Clinic

https://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/ulcerative-colitis/symptoms-causes/syc-20353326