L'imbarazzo di dover cercare un bagno: superiamolo.

L'imbarazzo di dover cercare un bagno: superiamolo.

06/08/2022 - 10:14

Le malattie infiammatorie croniche intestinali (MICI) non sono patologie che mettono a rischio la vita dei pazienti, ciononostante possono avere un impatto psicologico anche superiore persino a quello di malattie che colpiscono organi vitali. Il motivo va cercato in due fattori. Da un lato si tratta di patologie invisibili: chi è affetto da malattia di Crohn  o da rettocolite ulcerosa appare normale e ciò può portare a un’incomprensione del disagio psicologico vissuto. Peggio, alcune persone possono sottostimare la portata di queste patologie perché, come molti pazienti si sentono dire da chi sta loro attorno, "in fondo è solo un po' di mal di pancia". Dall'altro lato, l'intestino è percepito come un organo meno "nobile" di altri, forse per la sua propria funzione, e ciò rende difficile per i pazienti parlare dei loro problemi. Insomma, comunicare ad amici, parenti e colleghi di soffrire di diarrea cronica è più imbarazzante che parlare, ad esempio, di una cardiopatia.

 

La paura delle paure

Questo in fondo è il punto di cui non si parla mai: nella nostra società tutto ciò che ruota attorno alle feci è oggetto di imbarazzo. Si tratta di un argomento incomunicabile, che spinge i pazienti a non raccontare il loro problema per semplice vergogna. La diarrea, poi, è correlata a uno stimolo intestinale rapido, spesso incontrollabile, che spinge a dover cercare un bagno rapidamente nel terrore di sporcarsi e, quindi, di fare quella che è percepita da tutti come la peggiore figura possibile che una persona possa fare davanti agli altri.

 

Così non capita di rado che alcuni pazienti tendano a rifiutare le situazioni pubbliche e le occasioni fuori casa, nel terrore di dover cercare un bagno e, soprattutto, di non trovarlo in tempo. Così però ci si limita, si riducono le occasioni di socialità, ci si isola e si perde, giorno dopo giorno, la gioia di vivere. È chiaro quindi che occorre fare qualcosa prima che tutto ciò apra la strada alla depressione.

 

Come controllare la diarrea con le MICI

Il primo step è ovviamente quello di seguire le terapie prescritte: oggi grazie a quelle disponibili nella maggioranza dei casi è possibile controllare l'evoluzione della malattia di Crohn e della rettocolite ulcerosa e, con essa, anche la sintomatologia che si fa così molto più gestibile. Anche un supporto nutrizionale può essere utile, per ridurre ulteriormente il rischio di diarrea anche quando la malattia è in remissione. Da questo punto di vista è importante poter parlare apertamente delle proprie paure con il Gastroenterologo: questo eventualmente ci potrà indicare qualche strategia e qualche prodotto in commercio utile a controllare i sintomi. Teniamo in considerazione che ci sono persone con MICI che viaggiano senza problemi: pertanto uscire di casa non deve essere un problema. A volte basta organizzarsi, ad esempio informandoci preventivamente sulla presenza di bagni nei luoghi dove andremo.

 

Attenzione alla gestione di ansia e paure

È importante infine ridurre l'ansia correlata alla paura di non trovare un bagno, che spesso è maggiore del reale rischio che ciò accada. In questo senso è sempre utile un supporto psicologico, specie nelle prima fasi dopo la diagnosi: molti centri per la diagnosi e la terapia delle MICI offrono o suggeriscono percorsi di psicoterapia specifici, ad esempio quella di tipo cognitivo-comportamentale che rappresenta uno standard nella gestione dei disturbi dell'umore connessi alle patologie croniche. Utili anche la meditazione, lo yoga e qualsiasi attività che ci consenta di ritrovare serenità e di affrontare in modo più consapevole, e con meno stress, la malattia e le paure correlate. Anche quelle che consideriamo più incomunicabili.

 

Fonti

Emotional Factors, Crohn's and Colitis Foundation, https://www.crohnscolitisfoundation.org/sites/default/files/legacy/assets/pdfs/emotional.pdf 

Fiorino G, IBD’s psychological factors impact quality of life of patients in remission, Healio, https://www.healio.com/news/gastroenterology/20190129/ibds-psychological-factors-impact-quality-of-life-of-patients-in-remission 

Korzenik J, "Don’t Worry, Be Happy: Psychological Interventions in Inflammatory Bowel Disease", Gastroenterology, Vol 156, Issue 4, March 01, 2019, doi: 10.1053/j.gastro.2019.02.013 https://www.gastrojournal.org/article/S0016-5085(19)30386-5/fulltext?referrer=https%3A%2F%2Fpubmed.ncbi.nlm.nih.gov%2F 

Malattia di Crohn e colite ulcerosa sconosciute per un italiano su tre, AboutPharma, https://www.aboutpharma.com/blog/2021/05/19/malattia-di-crohn-e-colite-ulcerosa-sconosciute-per-un-italiano-su-tre/ 

"Malattie infiammatorie croniche intestinali, insistere sull'informazione. Parte la campagna 'Fatti più in là'", PharmaStar, https://www.pharmastar.it/news/gastro/malattie-infiammatorie-croniche-intestinali-insistere-sullinformazione-parte-la-campagna-fatti-pi-in-l-33914 

"Malattie Infiammatorie Croniche Intestinali. Le cose da fare", Quotidiano Sanità, http://www.quotidianosanita.it/studi-e-analisi/articolo.php?articolo_id=86590 

Marín-Jiménez I et al, "Management of the Psychological Impact of Inflammatory Bowel Disease: Perspective of Doctors and Patients-The ENMENTE Project". Inflamm Bowel Dis. 2017 Sep;23(9):1492-1498. doi: 10.1097/MIB.0000000000001205. PMID: 28786866. https://academic.oup.com/ibdjournal/article/23/9/1492/4560710 

Mental and Emotional Well-being, Crohn's and Colitis Foundation, https://www.crohnscolitisfoundation.org/mental-health 

Navigating Daily Life with IBD, Crohn's and Colitis Foundation, https://www.crohnscolitisfoundation.org/mental-health/navigating-daily-life-with-ibd 

Più soddisfazione verso la qualità delle cure, più benessere psicofisico, più aderenza ai trattamenti, minori costi sanitari. La parola chiave oggi è #engagement, Amici Onlus, https://amiciitalia.eu/categorie/progetti-conclusi/pi%C3%B9-soddisfazione-verso-la-qualit%C3%A0-delle-cure-pi%C3%B9-benessere-psicofisico 

Rischio depressione per i giovani che soffrono di malattie infiammatorie intestinali, Cemad Gemelli, http://www.cemadgemelli.it/2020/02/27/rischio-depressione-per-i-giovani-che-soffrono-di-malattie-infiammatorie-intestinali/ 

Sajadinejad MS et al, "Psychological issues in inflammatory bowel disease: an overview". Gastroenterol Res Pract. 2012;2012:106502. doi: 10.1155/2012/106502 https://downloads.hindawi.com/journals/grp/2012/106502.pdf 

Taft TH et al, "Impact of perceived stigma on inflammatory bowel disease patient outcomes". Inflamm Bowel Dis. 2009;15(8):1224-1232. doi: 10.1002/ibd.20864 https://academic.oup.com/ibdjournal/article/15/8/1224/4643540 

Taft TH, Keefer L, "A systematic review of disease-related stigmatization in patients living with inflammatory bowel disease". Clin Exp Gastroenterol. 2016;9:49-58. Published 2016 Mar 7. doi: 10.2147/CEG.S83533 https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4789833/ 

 

Pagina precedente
La Storia di Mara
Pagina successiva
La Storia di Anita