Le MICI sono ancora oggi diagnosticate in ritardo, perché?

Le MICI sono ancora oggi diagnosticate in ritardo, perché?

12/16/2020 - 12:38

Ormai si parla sempre più spesso delle malattie infiammatorie croniche intestinali (MICI), ovvero malattia di Crohn e rettocolite ulcerosa. Nonostante questo, i dati mostrano ancora un importante ritardo diagnostico: troppo spesso, cioè, i pazienti si rivolgono tardi al medico di medicina generale o al gastroenterologo, quando la malattia ha già iniziato a produrre danni intestinali talvolta importanti. Spesso, infatti, i sintomi delle MICI sono confusi con problemi di stress oppure con semplici alterazioni temporanee della funzionalità intestinale. A oggi si ritiene che mediamente tra l'insorgenza dei primi sintomi e la diagnosi passino alcuni anni, a volte fino a cinque. Uno degli obiettivi principali è pertanto quello di ridurre questo lasso di tempo così da garantire cure più tempestive e dunque efficaci oltre a un minor rischio di dover ricorrere alla chirurgia. Peraltro una diagnosi precoce incide positivamente sulla qualità di vita complessiva del paziente.

Alcuni sintomi possono trarre in inganno

Quando si parla di ritardo diagnostico nelle MICI occorre però fare una distinzione: questo problema si verifica infatti principalmente per la malattia di Crohn, molto meno frequentemente per la rettocolite ulcerosa. Il motivo è semplice: in questa seconda patologia i sintomi sono sempre evidenti e spesso causa di preoccupazione per il paziente. L'espressione più tipica della rettocolite ulcerosa è infatti la diarrea accompagnata da perdita di sangue: ciò spinge il paziente a rivolgersi al medico se non, talvolta, persino al pronto soccorso. Al contrario la malattia di Crohn può, in molti pazienti, essere più subdola: la presenza di sangue è molto più rara mentre diarrea e dolori addominali sono talvolta non particolarmente intensi. Ciò può in alcuni casi indurre in errore persino il medico, che potrebbe inizialmente sospettare una sindrome dell'intestino irritabile. In alcuni casi nella malattia di Crohn i sintomi addominali sono quasi assenti, mentre possono essere presenti sintomi aspecifici come febbricola, stanchezza e perdita di peso.

La malattia di Crohn, più complessa da diagnosticare

Del resto nella malattia di Crohn infatti l'intensità dei sintomi non è sempre direttamente proporzionale al danno intestinale: in alcuni soggetti un'infiammazione severa può essere quasi asintomatica, mentre in altri forti crampi e una diarrea importante potrebbero non corrispondere a un'attività di malattia particolarmente intensa. Peraltro a rendere complessa la diagnosi c'è anche localizzazione: se la rettocolite ulcerosa interessa solo colon e retto, la malattia di Crohn può colpire qualsiasi tratto del tubo digerente, dalla bocca all'ano. Nella malattia di Crohn i tratti più interessati sono ileo e colon, tuttavia in alcuni casi l'infiammazione può riguardare altre parti dell'apparato digerente. Ad esempio quando è colpito il duodeno il paziente potrebbe sospettare disturbi gastrici più che intestinali. È per tutte queste ragioni che i pazienti che mostrano sintomi digestivi ricorrenti non dovrebbero ignorarli: in diversi casi, su indicazione del medico, potrebbe essere loro consigliata l'esecuzione di alcuni esami del sangue e delle feci utili a escludere la presenza di una MICI.

 

Fonti

 “Crohn e colite ulcerosa, diagnosi ancora in ritardo. Uno spot con Simone Sabbioni per far conoscere la malattia", PharmaStar, https://www.pharmastar.it/news/gastro/crohn-e-colite-ulcerosa-diagnosi-a...

Diagnosi di IBD, Malattie Infiammatorie Croniche Intestinali MICI, Micro Onlus, https://www.microibd.it/ibd-mici/186-diagnosi-di-ibd-malattie-infiammato...

Hong Z et al., "Delayed Diagnosis is Associated with Early and Emergency Need for First Crohn's Disease-Related Intestinal Surgery". Med Sci Monit. 2017 Oct 9;23:4841-4846. doi: 10.12659/msm.904238. PMID: 28991890; PMCID: PMC5644456.

Maconi G., Il ritardo diagnostico nella sintomatologia della Malattia di Crohn, Micro Onlus, https://www.microibd.it/news/169-il-ritardo-diagnostico-nella-malattia-d...

"Malattia di Crohn e colite ulcerosa bisogna giocare d'anticipo", Fondazione Veronesi Magazine, https://www.fondazioneveronesi.it/magazine/articoli/altre-news/malattia-...

Pellino G et al., "Delayed diagnosis is influenced by the clinical pattern of Crohn's disease and affects treatment outcomes and quality of life in the long term: a cross-sectional study of 361 patients in Southern Italy". Eur J Gastroenterol Hepatol. 2015 Feb;27(2):175-81. doi: 10.1097/MEG.0000000000000244. PMID: 25461228.

Rettocolite ulcerosa e malattia di Crohn: l’importanza di una diagnosi precoce, Istituto Clinico Humanitas, https://www.humanitas.it/news/21311-rettocolite-ulcerosa-malattia-crohn-...

Pagina precedente
Cos'è l'ileite terminale?
Pagina successiva
Stenosi intestinale: i sintomi