Le complicanze epatiche nelle MICI

Le complicanze epatiche nelle MICI

05/18/2021 - 14:20

Le malattie infiammatorie croniche intestinali (MICI) sono talvolta correlate ad alcune complicanze al fegato. Non si tratta di un fenomeno molto frequente, ma può capitare: come noto infatti la malattia di Crohn e la rettocolite ulcerosa si possono manifestare con alcune comorbilità, ovvero patologie concomitanti a esse legate. Ad esempio diversi pazienti sviluppano patologie articolari con caratteristiche simili alle sacroileiti, alla spondilite anchilosante o all'artrite reumatoide: ciò è dovuto a una diffusione dell'infiammazione intestinale verso altri organi.

 

Cos'è il "fegato grasso"

Nel caso del fegato, invece, è stato dimostrata una relazione tra MICI e una patologia che lo può frequentemente colpire: la steatosi epatica non alcolica, condizione detta anche "fegato grasso" che si caratterizza appunto per l'accumulo di grassi con conseguente infiammazione e, nei casi più seri, fibrosi di alcune aree dell'organo. Secondo uno studio presentato al Crohn's and Colitis Congress 2020 da Shaya Noorian dell'Università della California (Usa), i pazienti affetti da malattia di Crohn e rettocolite ulcerosa, e contemporaneamente da steatosi epatica non alcolica, mostrano tassi di riammissione ospedaliera più elevati. In altre parole, vanno incontro a maggiori ricoveri.

 

L'infiammazione colpisce anche il fegato

Al momento non esiste ancora un'elevata mole di studi che abbiano evidenziato nel dettaglio l'impatto di questa condizione epatica sull'andamento della malattia di Crohn e della rettocolite ulcerosa. Tuttavia sulla base di dati raccolti su poco meno di 20mila pazienti, Noorian e colleghi hanno dimostrato che la steatosi epatica non alcolica non è solamente associata a un rischio maggiore di nuovi ricoveri ospedalieri per i pazienti affetti da malattie infiammatorie croniche intestinali, ma è anche correlata a maggiori durate dei ricoveri stessi e quindi a costi più elevati. La ragione va ricercata probabilmente negli elevati livelli di infiammazione sistemica tipica di chi è affetto da malattia di Crohn e rettocolite ulcerosa, specie in fase di attività, che accrescono il rischio di patologie epatiche. Inoltre è dimostrato che l'anomala attività del sistema immunitario dei pazienti con MICI può avere essa stessa un ruolo nella progressione delle patologie epatiche come la steatosi.

 

Fegato e intestino: il ruolo della prevenzione

Questa patologia è conseguenza di un accumulo di trigliceridi nel fegato: è quindi chiaro come il metabolismo abbia un ruolo determinante, così come ovviamente l'alimentazione e lo stile di vita più in generale. La maggior parte dei pazienti non presenta sintomi salvo, in alcuni casi, disturbi lievi e apparentemente aspecifici come stanchezza, malessere o fastidi nell'area superiore destra dell'addome. Per questo occorre agire con la prevenzione: prima di tutto controllando il peso in eccesso e adottando un'alimentazione corretta, ispirata ai principi della dieta mediterranea e con una riduzione di grassi e zuccheri. Di fronte a un dubbio, sarà il medico a prescrivere alcuni esami del sangue per verificare la salute del fegato e un'ecografia dell'addome - che del resto sono di routine per tutti i pazienti con malattie infiammatorie croniche intestinali. Solo così si possono prevenire condizioni epatiche più serie come la steatopatite e allo stesso tempo evitare riacutizzazioni delle MICI e complicanze a carico dell'intestino e di altri organi vitali.

 

 

Fonti

Gaidos JKJ, Fuchs M, "Increased Prevalence of NAFLD in IBD Patients". Dig Dis Sci. 2017 May;62(5):1362. doi: 10.1007/s10620-017-4552-8. PMID: 28357696.

Gallerani M, Manifestazioni extraintestinali nelle malattie infiammatorie croniche intestinali, Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara, http://www.unife.it/medicina/lm.medicina/studiare/minisiti/malattie-dell...

Glassner K et al, "Epidemiology and Risk Factors of Nonalcoholic Fatty Liver Disease Among Patients with Inflammatory Bowel Disease". Inflamm Bowel Dis. 2017 Jun;23(6):998-1003. doi: 10.1097/MIB.0000000000001085. PMID: 28511199.

Magrì S et al, "Nonalcoholic fatty liver disease in patients with inflammatory bowel disease: Beyond the natural history". World J Gastroenterol. 2019 Oct 7;25(37):5676-5686. doi: 10.3748/wjg.v25.i37.5676. PMID: 31602167; PMCID: PMC6785525.

"Malattie infiammatorie croniche intestinali, peggiori outcome in caso di contemporanea steatosi epatica", PharmaStar, https://www.pharmastar.it/news//gastro/malattie-infiammatorie-croniche-i...

Manifestazioni extraintestinali nelle malattie infiammatorie croniche intestinali, Società Medico Chirurgica di Ferrara, https://www.ospfe.it/il-professionista/societa-medico-chirurgica/archivi...

Noorian S et al, "Adult IBD: Quick Shots Abstracts and Case Discussions". Presented at: Crohn’s and Colitis Congress (virtual). Jan. 21-24, 2020.

"Rischio aumentato di steatosi epatica nei pazienti con malattie infiammatorie intestinali", PharmaStar, https://www.pharmastar.it/news/gastro/rischio-aumentato-di-steatosi-epat...

Tholey D, Steatosi epatica non alcolica (Nonalcoholic Fatty Liver Disease, NAFLD), Msd Manuals, https://www.msdmanuals.com/it-it/professionale/malattie-del-fegato-e-del...