Impatto psicologico delle MICI: quale supporto cercare?

Impatto psicologico delle MICI: quale supporto cercare?

01/26/2021 - 11:13

È ormai dimostrato che le malattie infiammatorie croniche intestinali (MICI), così come moltissime altre patologie croniche, possono avere un impatto notevole sulla psiche dei pazienti. In particolare diverse ricerche hanno chiarito alcuni legami tra malattia di Crohn, rettocolite ulcerosa e stress cronico, ansia e persino depressione. Inoltre le MICI sono condizioni che insorgono molto frequentemente durante la giovane età o già in adolescenza: è in particolare in fasi già di per sé così delicate della vita che l'attenzione al benessere psicologico è prioritaria.

 

Studi mostrano infatti come l'insorgenza della malattia di Crohn o della rettocolite ulcerosa possa essere causa nei ragazzi di disagi emotivi e psicologici che spesso sfociano in difficoltà a socializzare e problemi scolastici.

 

Traumi e meccanismi di difesa

Gli studi sull'impatto psicologico delle MICI sulla vita quotidiana si sono frequentemente concentrati sul concetto di trauma: la diagnosi di una patologia cronica rappresenta un punto di svolta nella vita dei pazienti, che inevitabilmente li segna. Di fronte a un trauma ciascuno di noi reagisce con meccanismi di difesa: alcuni sono funzionali e ci consentono di proseguire la nostra vita serenamente, altri invece ci bloccano aprendo la strada ad ansia e depressione. In fondo è dimostrato che i soggetti esposti a forti traumi, specie durante infanzia e adolescenza, vanno incontro a vere e proprie modificazioni del sistema nervoso centrale con conseguenze importanti.

 

Psiche e intestino, un legame a doppia via

 

Da tempo è inoltre noto il cosiddetto "asse cervello-intestino", un complesso insieme di interazioni biologiche tra i due organi. I disturbi intestinali possono infatti influenzare direttamente e biologicamente il corretto equilibrio psichico, ma anche viceversa: lo stress cronico può agire sull'apparato digerente dei pazienti con MICI, ad esempio esacerbando i  sintomi. Non a caso ansia e depressione sono considerati fattori di rischio per i pazienti con malattia di Crohn e rettocolite ulcerosa, in particolare per quanto riguarda il possibile ricorso alla chirurgia. Le basi di questa relazione a due vie non è ancora del tutto chiara, ma si suppone un ruolo decisivo del cervello nell'attivazione della risposta immunitaria anomala che è alla base di entrambe le patologie.

 

Come controllare stress, ansia e disturbi dell'umore

Anche per questo è importante parlare al gastroenterologo della propria esperienza psicologica di convivenza con la malattia. Quando la sintomatologia psichica è importante, potrebbe infatti suggerirci un approccio specifico. In molti centri per la diagnosi e la terapia delle MICI esiste ad esempio la possibilità di percorsi di psicoterapia specifici. Le modalità di intervento sono diverse.

La terapia cognitivo-comportamentale rappresenta uno standard nella gestione dei disturbi dell'umore connessi a patologie croniche. Ci sono però anche altre opzioni: ad esempio numerosi studi confermano che le terapie basate sul protocollo Emdr, dedicate specificamente all'elaborazione del trauma, sono molto utili anche in questo contesto.

Ci sono poi le tecniche di rilassamento e di controllo delle emozioni: utilissimi sono i corsi di rilassamento, biofeedback, respirazione guidata, training autogeno, mindfulness, yoga e meditazione. Anche in questi casi i risultati sono molto incoraggianti.

 

 

Fonti

Emotional Factors, Crohn's and Colitis Foundation, https://www.crohnscolitisfoundation.org/sites/default/files/legacy/asset...

Ferrarese D, Psicologia clinica e psicoterapia nella gestione del trauma e dello stress nelle MICI, Cemad Gemelli, http://www.cemadgemelli.it/2020/03/19/psicologia-clinica-e-psicoterapia-...

Fiorino G, IBD’s psychological factors impact quality of life of patients in remission, Healio, https://www.healio.com/news/gastroenterology/20190129/ibds-psychological...

Korzenik J, "Don’t Worry, Be Happy: Psychological Interventions in Inflammatory Bowel Disease", Gastroenterology, Vol 156, Issue 4, March 01, 2019, dos doi: 10.1053/j.gastro.2019.02.013

Leone D et al, "Psychological Characteristics of Inflammatory Bowel Disease Patients: A Comparison Between Active and Nonactive Patients", Inflammatory Bowel Diseases, Volume 25, Issue 8, August 2019, Pages 1399–1407, doi: 10.1093/ibd/izy400

"Malattie Infiammatorie Croniche Intestinali. Le cose da fare", Quotidiano Sanità, http://www.quotidianosanita.it/studi-e-analisi/articolo.php?articolo_id=...

Marín-Jiménez I et al, "Management of the Psychological Impact of Inflammatory Bowel Disease: Perspective of Doctors and Patients-The ENMENTE Project". Inflamm Bowel Dis. 2017 Sep;23(9):1492-1498. doi: 10.1097/MIB.0000000000001205. PMID: 28786866.

Mental and Emotional Well-being, Crohn's and Colitis Foundation, https://www.crohnscolitisfoundation.org/mental-health#:~:text=In%20addit....

Rischio depressione per i giovani che soffrono di malattie infiammatorie intestinali, Cemad Gemelli, http://www.cemadgemelli.it/2020/02/27/rischio-depressione-per-i-giovani-...

Sajadinejad MS et al, "Psychological issues in inflammatory bowel disease: an overview". Gastroenterol Res Pract. 2012;2012:106502. doi:10.1155/2012/106502