Chirurgia mininvasiva: in quali casi si impiega?

Chirurgia mininvasiva: in quali casi si impiega?

07/06/2020 - 19:07

Negli interventi chirurgici a cui si devono sottoporre i pazienti con MICI, sempre più spesso si utilizzano oggi le tecniche mininvasive. Si tratta di modalità di intervento durante le quali non viene aperta la parete addominale: il chirurgo opera infatti all'interno della cavità addominale per mezzo di telecamere e strumenti inseriti in uno o più "fori" realizzati con incisioni di pochissimi centimetri

Questa tipologia di tecnica, detta laparoscopica, è sempre più impiegata nella malattia di Crohn e nella rettocolite ulcerosa e ha il vantaggio di minimizzare il trauma chirurgico per il paziente. Nella chirurgia mininvasiva infatti i fasci muscolari della parete addominale non vengono tagliati ma solamente divaricati, così da permettere il passaggio degli strumenti, al contrario di quanto avviene nella chirurgia tradizionale (detta anche open, cioè aperta). A essere incisa è soltanto la pelle.

Come avviene un intervento in laparoscopia

La laparoscopia nelle malattie infiammatorie croniche intestinali segue alcune fasi:

  1. Inizialmente la cavità addominale viene "dilatata" insufflando anidride carbonica per mezzo di una cannula: solo così il chirurgo può muoversi con gli strumenti e avere una visione chiara per mezzo della telecamera che sarà inserita;
  2. Vengono praticate piccole incisioni per l'inserimento degli strumenti chirurgici. Più recentemente la chirurgia mininvasiva nelle malattie infiammatorie croniche intestinali ha fatto ulteriori passi in avanti. Per alcune tipologie di intervento, infatti, l'inserimento degli strumenti avviene da un unico foro praticato con una piccolissima incisione attorno all'ombelico, così da minimizzare anche il danno estetico: si tratta della cosiddetta tecnica "single port";
  3. Solo a quel punto il chirurgo può operare: gli strumenti consentono la presa delle anse intestinali, il taglio, le suture e ogni altra azione che può essere eseguita anche in un intervento tradizionale open.
  4. A fine intervento, la piccola ferita sarà sottoposta a sutura chirurgica per mezzo di fili metallici o clips che verranno poi rimossi in occasione delle successive medicazioni.

I vantaggi della laparoscopia nel Crohn e nella rettocolite ulcerosa

I vantaggi per il paziente sono:

  • minore impatto sulla parete addominale;
  • minore impatto estetico per l’assenza di grandi cicatrici;
  • minori complicanze chirurgiche e post-chirurgiche, come le infezioni;
  • minore dolore postoperatorio;
  • ripresa più rapida delle funzioni fisiologiche e della vita quotidiana;
  • degenze ospedaliere più brevi;
  • minore trauma psicologico.

A fonte di questi vantaggi, la chirurgia mininvasiva può garantire gli stessi risultati della chirurgia tradizionale.

MICI: chi viene operato con tecnica mininvasiva?

Tendenzialmente tutti i pazienti che devono essere sottoposti a un intervento chirurgico per malattia di Crohn o rettocolite ulcerosa potrebbero essere candidati a un approccio mininvasivo.

Ovviamente spetta al chirurgo la valutazione del caso specifico, soprattutto in funzione di:

- tipologia di patologia e stato di attività di malattia;

- tipologia di intervento;

- condizioni di salute generali e altre patologie concomitanti;

- interventi subiti in precedenza.

 

Fonti

 

Sapci I et al., "Minimally Invasive Surgery in Complex Crohn's Disease", Clin Colon Rectal Surg. 2019 Jul;32(4):300-304. doi: 10.1055/s-0039-1683922. Epub 2019 Jul 2.

Alizadeh RF et al., "Ileocolic Resection for Crohn's Disease: A Minimally Invasive Approach Claims Its Place", Am Surg. 2018 Oct 1;84(10):1639-1644.

de Buck van Overstraeten A et al., "Transanal Versus Transabdominal Minimally Invasive (Completion) Proctectomy With Ileal Pouch-anal Anastomosis in Ulcerative Colitis: A Comparative Study", Ann Surg. 2017 Nov;266(5):878-883. doi: 10.1097/SLA.0000000000002395.

Holder-Murray J et al., "Minimally invasive surgery for inflammatory bowel disease", Inflamm Bowel Dis. 2015 Jun;21(6):1443-58. doi: 10.1097/MIB.0000000000000316.

Spinelli A, Patologie del colon-retto, i vantaggi della chirurgia mininvasiva, Humanitas Research Hospital, https://www.humanitas.it/news/19776-patologie-del-colon-retto-vantaggi-d...

Chirurgia mini-invasiva Laparoscopica-Toracoscopica, Humanitas San Pio X, https://www.sanpiox.net/cure/chirurgia-mini-invasiva-laparoscopica-torac...

Shrestha B, "Minimally invasive surgery for inflammatory bowel disease: Current perspectives", World J Gastrointest Pharmacol Ther. 2016 May 6;7(2):214-6. doi: 10.4292/wjgpt.v7.i2.214.

Pagina precedente
MICI e stanchezza
Pagina successiva
Colite ulcerosa, si guarisce?