C’è un legame tra MICI e la cardiopatia ischemica

C’è un legame tra MICI e la cardiopatia ischemica

06/19/2018 - 12:19

cardiopatia ischemica e MICILa relazione tra le MICI e la cardiopatia ischemica

Ci sarebbe un’associazione tra le malattie infiammatorie croniche intestinali e il rischio di cardiopatia ischemica, con un particolare aumento quando la persona è affetta dalla malattia di Crohn.

Questa revisione sistematica e meta-analisi ha incluso 10 studi di coorte che hanno indagato l’associazione tra malattie infiammatorie dell’intestino e rischio di cardiopatia ischemica.

I risultati, pubblicati sul Journal of the American Heart Association, mostrano come alcune malattie autoimmuni hanno mostrato un collegamento con l’aumento del rischio di patologie cardiovascolari, anche se differenti ricerche negli anni hanno riportato risultati differenti e incoerenti tra loro.

L’associazione si è quindi focalizzata su una singola malattia, la cardiopatia ischemica, e ha rilevato una notevole eterogeneità nei risultati.

Come spiegato dai ricercatori, in particolare il rischio di malattie cardiovascolari aumenta in modo significativo quando la persona è malata del malattia di Crohn. Inoltre, la ricerca del JAHA sugli studi effettuati fino al 2016 ha mostrato un’associazione positiva tra la colite ulcerosa e la cardiopatia ischemica.

Il risultato di questo studio bibliografico, concludono gli esperti, è quello di aprire le porte a successivi test scientifici in laboratorio per confermare le casistiche rilevate.

La cardiopatia ischemica, o ischemia miocardica, è un’ischemia che coinvolge il tessuto miocardico, generata dall’instaurazione di uno squilibrio tra l’apporto ematico e la richiesta di ossigeno del tessuto.

Le cause?

Tra le cause di questo squilibrio c’è una parziale o totale riduzione del lume arterioso coronarico, cui consegue una diminuzione del flusso sanguigno. Si tratta, nella maggior parte dei casi, di conseguenza dell’aterosclerosi coronarica.

Stando dunque ai risultati della meta-analisi degli studi di coorte, i ricercatori hanno riscontrato un aumento del rischio di cardiopatia ischemica in pazienti con malattia infiammatoria intestinale, ma “sono necessari grandi studi prospettici a lungo termine a sostegno dei nostri risultati”, spiegano gli autori.

A cura di Paola Perrotta

Fonte

- Feng W, Chen G, Cai D, Zhao S, Cheng J, Shen H. Inflammatory Bowel Disease and Risk of Ischemic Heart Disease: An Updated Meta-Analysis of Cohort Studies. J Am Heart Assoc 2017 Aug 02;6(8)e005892,