Antibiotici in gravidanza e rischio di MICI nel nascituro

Antibiotici in gravidanza e rischio di MICI nel nascituro

02/23/2021 - 11:53

L'assunzione di antibiotici in gravidanza potrebbe accrescere il rischio nel nascituro di sviluppare una malattia infiammatoria cronica intestinale (MICI) entro i sei anni di età. L'ipotesi viene da uno studio svedese pubblicato dalla rivista Gut che sottolinea invece come questo rischio non sia rilevabile quando gli antibiotici vengono assunti dal bambino stesso durante l'infanzia.

Questa scoperta ha una rilevanza non solo in termini di prevenzione ma anche, e soprattutto, perché rappresenta una nuova prova della capacità degli antibiotici di modificare il microbiota intestinale. Del resto si sa da tempo che l’insieme dei batteri che colonizza il nostro intestino è coinvolto, insieme a molti altri fattori, nell'insorgenza della malattia di Crohn e della rettocolite ulcerosa.

 

Antibiotici prima e dopo la nascita

Lo studio è stato condotto su più di 800mila bambini nati tra il 2006 e il 2016, e suddivisi in due gruppi: nel primo le madri avevano assunto terapia antibiotica durante la gestazione mentre nel secondo la stessa terapia era stata somministrata ai bambini in età neonatale. Il risultato? Solo nel primo gruppo il rischio di sviluppare una MICI appariva quasi il doppio rispetto alla media.

Queste evidenze, però, non stupiscono: è noto da tempo che tra le principali funzioni del microbiota intestinale c'è la regolazione del sistema immunitario, funzione che nei neonati sembra derivare dal corretto funzionamento del microbiota materno con il quale il piccolo viene a contatto durante la gravidanza.

 

Sistema immunitario e flora batterica intestinale

A oggi le MICI sono considerate patologie multifattoriali in cui una componente di predisposizione genetica e alcune variabili ambientali sono in grado di scatenare un'infiammazione a livello della parete intestinale con possibili complicanze anche gravi.

 

Certamente da tempo è noto il ruolo della flora batterica intestinale nel modulare la risposta infiammatoria e immunitaria tanto che studi, anche condotti sui bambini, hanno mostrato come l'alimentazione e quindi il mix di batteri che colonizzano l'intestino abbiano un ruolo nel sostenere la patologia e nell'influenzarne almeno in parte il decorso.

Una nota ricerca condotta all'università canadese di Dalhousie ha ad esempio confrontato diverse biopsie intestinali di bambini affetti da malattia di Crohn con altre di bimbi sani giungendo alla conclusione che nei pazienti affetti da questa patologia sia rilevabile una composizione batterica anomala.

 

Diete specifiche contro le MICI?

Oggi sappiamo inoltre che chi è affetto da una MICI mostra anomale reazioni di alcune cellule del sistema immunitario nei confronti del proprio microbiota: una dimostrazione in più di come l'infiammazione alla base della malattia di Crohn e della rettocolite ulcerosa potrebbe essere espressione di rapporto patologico che si instaura tra sistema immunitario e batteri intestinali. Ciò porta quindi a credere che un cambiamento di dieta potrebbe influenzare la composizione del microbiota intestinale controllando così l'andamento delle malattie infiammatorie croniche intestinali. Per ora però si tratta ancora in larga parte di ipotesi: occorreranno cioè molti studi per poter giungere alla formulazione di diete specifiche e con un'efficacia dimostrabile utili al trattamento delle MICI.

 

 

Fonti

Bernaschi P, Il microbiota, Ospedale Bambino Gesù, http://www.ospedalebambinogesu.it/microbiota#.X7_J4hNKg0o

Brusaferro A et al, "Gut dysbiosis and paediatric Crohn's disease". J Infect. 2019 Jan;78(1):1-7. doi: 10.1016/j.jinf.2018.10.005. Epub 2018 Oct 16. PMID: 30336176.

Douglas, GM et al, "Multi-omics differentially classify disease state and treatment outcome in pediatric Crohn’s disease". Microbiome 6, 13 (2018). https://doi.org/10.1186/s40168-018-0398-3

Han MK et al, "Examination of food consumption in United States adults and the prevalence of inflammatory bowel disease using National Health Interview Survey 2015". PlosOne, 2020, 15(4): e0232157. doi: 10.1371/journal.pone.0232157

Kolodziejczyk, AA et al, "Diet–microbiota interactions and personalized nutrition". Nat Rev Microbiol 17, 742–753 (2019). https://doi.org/10.1038/s41579-019-0256-8

"IBD: dieta ipocalorica potrebbe ridurre l’infiammazione modificando il microbiota intestinale", Microbioma, https://microbioma.it/gastroenterologia/ibd-dieta-ipocalorica-potrebbe-r...

L'importanza della dieta nelle IBD MICI, MicroIbd Onlus, https://www.microibd.it/alimentazione/195-importanza-della-dieta-nelle-i...

"La dieta mediterranea rende più «sano» il microbiota intestinale", Fondazione Veronesi Magazine, https://www.fondazioneveronesi.it/magazine/articoli/alimentazione/la-die...

Larkin M, "Malattie infiammatorie intestinali. Forte legame con l’industrializzazione", Quotidiano Sanità, https://www.quotidianosanita.it/scienza-e-farmaci/articolo.php?articolo_...

Malattie infiammatorie croniche intestinali ed alimentazione, Amici Onlus, https://amiciitalia.eu/sites/default/files/Alimentazione%20De%20Nitto%20...

Microbiota, malattie infiammatorie croniche dell’intestino e cancro del colon, Fondazione Cesare Serono, https://www.fondazioneserono.org/stili-di-vita/microbiota/microbi-microb...

Morbo di Crohn nei bambini: quali sono i sintomi?, Ospedale Niguarda, https://www.ospedaleniguarda.it/news/leggi/morbo-di-crohn-nei-bambini-qu...

Örtqvist AK et al, "Fetal and early life antibiotics exposure and very early onset inflammatory bowel disease: a population-based study", Gut 2019;68:218-225.

Singh RK et al, "Influence of diet on the gut microbiome and implications for human health". J Transl Med 15, 73 (2017). doi: 10.1186/s12967-017-1175-y